instagram

Viola si alza in piedi…

La Zanzerotti si alza in piedi già da qualche settimana.

Con la sua nuova posizione eretta sono arrivati anche molti altri problemi: rendere tutte le cose a portata di mano NON potenzialmente mortali, ripiegare i lembi della tovaglia, non perderla più d’occhio un secondo. 

Si appende ad ogni cosa e con una spinta incerta si alza. Il problema è la discesa che a quanto pare la spaventa, forse pensa che tra il suo culetto ed il suolo ci siano 50 metri di distanza… è bello vederla in piedi perché si mette a ballare agitandosi tutta come nicki minaj in un video musicale. 

Assieme a questo grande passo avanti vedo dei mutamenti nel suo carattere che si sta trasformando in quello tipico del serial killer, se le fai qualche affronto come: “levarle l’phone dalle mani mentre passa la lingua sullo schermo” diventa una belva e comincia a lanciare ogni cosa a portata di mano aggrottando le sopracciglia, oppure mi si avvicina e mi tira uno schiaffo o (il mio preferito) quando mi afferra la mano e tenta di strapparmi la carne a morsi (ora ha 2 denti e ci riesce benissimo). 

Spesso se la prende anche con la povera mamma cangurina, se non riesce ad infilare i cubetti nel verso giusto e farla cantare, la prende a calci urlandole: “pochipochicocococcoaje” una qualche offesa in aramaico antico suppongo. La frase che ripeto più spesso al giorno é: “Non ti arrabbiare” il che può essere divertente dato che la dico ad una polpetta di nemmeno un metro che tenta di schiaffeggiare le cose con una manina da bambola però quando inizia ad urlare e a trasformarsi in Mr. Hyde mi fa impazzire.

Poi è diventata scaltra e furba, all’IKEA l’altro giorno dopo che le ho offerto un pezzo di pane, ha fatto il gesto di volere l’acqua, le ho passato la bottiglietta ed ho continuato a mangiare, dopo poco ci accorgiamo che mentre ero distratta a prenderle da bere, lei aveva lanciato il pane e afferrato una patatina fritta; pensate fosse solo un caso? certo che no, era tutto un piano ben calcolato. 

Ho imparato in questi mesi che non dobbiamo sottovalutarli questi piccoli nanerottoli, ci fregano sotto il naso e poi fanno finta di essere degli ingenui moccolosi.

Poi ha questa fissa per i telecomandi che è esasperante, ovunque li nasconda lei li trova, li vede forse con i raggi X, sa che sono lì, ne sente la mistica presenza. Le abbiamo persino comprato un telecomando finto uguale in tutto e per tutto ad uno vero se non per qualche tasto colorato, e quando glielo dai lei si incavola come una pazza, la vedi che si sente offesa nel profondo. “ma pensi di prendermi in giro con quel giocattolo mamma? per chi mi hai preso?” 

lo prende e lo lancia (il più delle volte contro di me), ma la cosa più assurda è che se cedo e le lascio il telecomando vero dopo aver spento il televisore, lei prima cerca di cambiare canale, impostazioni e risoluzione. Rendendosi poi subito conto che lo schermo è nero, lo getta a terra e se ne va sdegnata.

Perché quello che le interessa in realtà non è il telecomando in sé ma il suo “potere”. 

Se penso che compie un anno tra qualche giorno… si salvi chi può!!!

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*