instagram

Mia figlia è un genio?

Sarà perché noi abitiamo lontani da nonni, bisnonni e annessi che Viola appare agli occhi di quest’ultimi come un futuro premio nobel.

Nipotina + lontananza + figlia di una mamma figlia unica = una Zanzerotti beatificata.

Mia madre ha riempito quasi tutta la memoria del cellulare di fotografie e video e le mostra a chiunque, dalla migliore amica alla commessa del supermercato alla cliente dietro di lei in coda; li potrebbe mostrare pure a un sordo cieco offendendosi del fatto che non dimostri l’entusiasmo che lei ritiene opportuno.

Quando sono stata in Francia è salita assieme a mia nonna e nonno per aiutare Pasquale con la Zanzerotti, appena sono tornata ha snocciolato un sacco di nuovi video di Viola che mi ha OBBLIGATO a vedere dopo 4 ore di treno e quando mi sono distratta, mentre visionavo la proiezione di 3 minuti e 50 non stop di Viola sull’altalena si è offesa un sacco.

La mamma di Pasquale invece non si limita a guardare le foto ma le stampa tutte e crea album che tiene in soggiorno, stampa anche foto fatte a foto scattate allo schermo del computer, quest’estate ci siamo divertiti un sacco rivedendole. Appena possibile ci spedisce pacchi di splendidi vestiti e accessori che hanno reso Viola una fashion victim più di me.

Ma la cosa che più mi fa ridere è come appare Viola ai loro occhi: un piccolo genio in miniatura; quando era più piccola le avevamo scaricato un applicazione per iPad di un pianoforte, lei si divertiva tantissimo a schiacciare i tasti e sentire tutti quei suoni, l’applicazione è stata eliminata verso i 6 mesi, quando non premeva più delicatamente lo schermo ma tirava pugni che avrebbero steso Primo Carnera.

Mia mamma dopo aver visto il video di come ci giocava ha commentato: “ma sentila, crea una melodia!”

Ora, io per quanto sia pazzamente innamorata di mia figlia a quella esclamazione mi sono fatta una sana risata, io ci vedevo una bimba che si divertiva e mia madre vedeva Mozart a 4 mesi.

Viola balbetta qualcosa (non sta mai zitta, fa dei monologhi incredibili in un linguaggio simile al giapponese mischiato con l’ebraico e l’elfico) e mia mamma: “ma sbaglio o sta citando Kant?”

Forse sarò così anche io quando diventerò nonna, vedrò mia nipote come il nuovo messia, ma per adesso mi diverto con i commenti della MIA nonna su Viola, che sembra d’un tratto ringiovanita di 100 anni, si lamenta sempre per le gambe, la schiena, le migliaia di pastiglie ma appena scendiamo in Veneto non fa altro che giocare e sollevare la Zanzerotti (che pesa come un cinghialetto tarchiato) come se non ci fosse un domani:

“secondo me la prenderebbero subito a fare una pubblicità!”

“nonna hai visto che bella quella bimba?” “ma chi?? non la vorrai mica paragonare a Viola.”

“è di un’ intelligenza mai vista e si che io di bambini ne ho conosciuti tanti…”

“oggi Viola ci fa impazzire!” “non provare a lamentarti di quell’angelo che ti ritrovi in casa, non sei nemmeno degna.”

Mia mamma quando incontra qualche vecchia amica o un semplice passante (lei si metterebbe a parlare anche con un serial killer con la testa della vittima ancora fra le mani) esordisce così: “oh ma lo sai che mia figlia vive in Svizzera?! eh sì a Zurigo, ha un appartamento stupendo, e sono pure nonna, non per vantarmi ma mia nipote è bellissima, hai mica 12 ore libere che ti vorrei mostrare 2 o 3 filmati?!”.

Io non so se Viola farà avverare le profezie dei nonni e diventerà un genio o una leader mondiale ma ai miei occhi sarà sempre e solo la mia dolcissima bambina.

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*